Le barre multifunzione

Il progresso senza se e senza ma!

Scritto da Roberto Rossi il 16-09-2019

Oggi voglio parlare di interfacce grafiche. Delle interfacce grafiche dei software che, tutti noi, utilizziamo.

In particolare voglio raccontare di pulsanti, barre degli strumenti e barre multifunzione. Le differenze, i vantaggi e gli svantaggi delle soluzioni utilizzate nei software di oggi e di ieri.

Iniziamo...

Le barre degli strumenti e i menu

In principio furono icone e menu.

Le prime interfacce grafiche nei programmi erano composte da una fila di menu e una serie di icone più o meno grandi.

Ad un certo punto le icone vennero riunite in quelle che vennero chiamate barre degli strumenti.

Ecco un esempio: Menu e barre degli strumenti in progeCAD

Ed ecco un secondo esempio:

Libreoffice

L'idea era abbastanza semplice:

  • Organizzare tutti i comandi disponibili, in modo logico, nei menu per consentire all'utente di trovare ed usare ciò che gli server.
  • Creare una serie di barre di icone in modo da consentire l'accesso ai comandi più usati tramite un semplice clic.

Questo tecnica funzionava alla perfezione.

Ma poi è successe qualcosa... è successo che la quantità di funzioni messe a disposizione dei software è aumentata a dismisura. Allo stesso modo anche i monitor sono cambiati radicalmente, un tempo si avevano basse risoluzioni come 1024x768 pixel oggi invece, anche su dispositivi portatili, possiamo avere risoluzioni molto più elevate. Per fare un esempio banale il mio portatile, con uno schermo da 15 pollici, ha una risoluzione di 3840x2160.

Il risultato dell'aumento della risoluzione dei monitor si è tradotto in un aspetto sempre peggiore delle icone che risultano meno confortevoli. Cosa più grave è che l'aumento del numero di funzioni nei software si è tradotto nella moltiplicazione delle icone nelle barre degli strumenti e, di conseguenza, delle icone mostrate a video. Un tripudio di bottoncini.

Tutto ciò si può riassumere in questa immagine:

Troppe barre degli strumenti

E cosa otteniamo alla fine?

Ciò che vediamo è una massa interminabile di iconcine, spesso troppo simili, che occupano l'area di lavoro anche quando non sono necessarie. Esistono infatti molti comandi che possono essere utilizzati solamente in determinate situazioni. L'uso della barre strumenti classiche obbliga ad avere tutto ciò che utilizziamo a schermo. Il risultato può essere riassunto con una sola parola confusione.

Nonostante l'essere umano sia in grado di abituarsi, riuscendo poi a ricordare dove sta l'icona che serve per una data operazione, l'accozzaglia di immaginette che si forma attorno all'area di lavoro non è sicuramente il modo più produttivo per lavorare. Anche perchè, alle volte, ci sono icone poco usate che vanno cercate nel mare delle barre degli strumenti.

Allo stesso modo i menu sono diventati interminabili liste di comandi. Anche in questo cosa la ricerca di ciò che serve può non essere semplice. Però spesso si rivela più semplice che cercare qualcosa nella distesa delle icone.

Ad un certo punto qualcuno pensò che era ora di provare a realizzare qualcosa di più funzionale. Cosi arrivarono le barre multifunzione...

Le barre multifunzione

Prima di tutto diamo un'occhiata a cosa sono e come appaiono le barre multifunzione. Partiamo da uno dei software più utilizzati ed apprezzati. Microsoft Word:

Microsoft Word

Microsoft Excel:

Microsoft Excel

Microsoft Powerpoint:

Microsoft Powerpoint

In realtà l'idea di questo tipo di interfaccia si è dimostrata tanto valida da essere ripresa anche in molti altri programmi.

Le troviamo in progeCAD:

progeCAD

La possiamo usare con AutoDESK AutoCAD:

AutoCAD

Viene utilizzata in Solidworks:

Solidworks

Possiamo trovare barre multifunzione anche in prodotti meno famosi, come OnlyOffice:

OnlyOffice

L'idea delle barre multifunzione è cosi apprezzata e richiesta che ha portato alla loro introduzione anche in prodotti che le hanno sempre snobbate, ad esempio LibreOffice:

LibreOffice

Senza dimenticare Esplore file di Windows:

Esplora file

Insomma, oggi possiamo utilizzare barre multifunzione un pò ovunque.

Ora però cerchiamo di capire perchè si è arrivati a questo punto. Perchè questo tipo di interfaccia rappresenta un tangibile miglioramento rispetto al passato.

Il mio punto di vista

Quando, per la prima volta, vidi questo tipo di interfaccia il mio pensiero fu:

"Che schifo, era meglio prima!"

Oggi, dopo aver utilizzato le barre multifunzione per molto tempo posso dire che mi sbagliavo alla grande. Non avevo capito niente della nuova interfaccia e nemmeno ci avevo pensato, accecato com'ero da quella cosa che si chiama abitudine.

Perchè mi sbagliavo? Mi sbagliavo perchè le barre multifunzione uniscono le logica dei menu, la comodità dei pulsanti, la possibilità di evidenziare le funzioni più utilizzate con la capacità di adattarsi al contesto.

Ma andiamo per gradi.

Prima di tutto l'introduzione di questo nuovo tipo di interfaccia ha reso i classici menu superflui. Le barre multifunzione, divise in sezioni e sottosezione, sono organizzate logicamente e consentono una ricerca semplificata del comando che ci serve:

I gruppi logici

Ovviamente questa classificazione permette di dividere le icone in base al loro scopo, alla loro funzione.

Le barre multifunzione permettono poi di utilizzare dimensioni diverse per gli elementi al loro interno consentendo cosi di evidenziare le funzioni più utilizzate e di chiarire la funzione di icone che, altrimenti, risulterebbero di difficile comprensione. A questo va aggiunta la possibilità di mostrare componenti diversi dai semplici pulsanti:

Elementi diversi

Queste caratteristiche rendono questo tipo di interfaccia molto più accessibile, chiara, semplice.

La possibilità di utilizzare oggetti di dimensioni differenti si rivela particolare utile in varie circostanze, non solo nel normale utilizzo. Pensiamo ad esempio quando iniziamo ad usare un nuovo software, riusciremo subito a trovare le funzioni più importanti. Pensiamo poi ad un software che utilizziamo poco, anche in questo caso non avremo difficoltà a ritrovare le icone più rilevanti anche senza ricordare il loro aspetto.

Veniamo poi alla possibilità di adattarsi al contenuto. O meglio, molte barre multifunzione hanno la capacità di modificare il loro contenuto in base a ciò che l'utente sta facendo.

Facciamo un paio di esempi. Prima di tutto vediamo come la barra multifunzione di Excel cambia durante l'editazione di un grafico inserito nel documento:

Excel editazione grafici

Un secondo esempio potrebbe essere la barra multifunzione di progeCAD durante la modifica di un testo:

progeCAD editazione testo

Infine vediamo come AutoCAD si comporta durante l'editazione di un tratteggio:

AutoCAD editazione tratteggio

Dopo aver lungamente utilizzato le barre multifunzione e dopo avere valutato attentamente le loro caratteristiche posso affermare che sono un deciso passo avanti, in grado di migliorare significativamente l'efficienza del proprio lavoro con qualsiasi software.

Riferimenti

Di seguito riporto i siti dei software menzionati in questo articolo in modo che, chiunque, sia in grado di verificare ciò che ho raccontato in questo articolo:

Dimmi la tua

Ovviamente, come sempre, per qualsiasi osservazione, commento, opinione, idea, critica... qui sotto trovate il link/collegamento per contattarmi direttamente.