Sabato, Settembre 10, 2011

Perché Linux dovrebbe sostituire Windows? Salva articolo come PDF Condividi pagina...

cat_gnu.png Oggi tenterò di spiegare, dal mio punto di vista, per quale motivo Linux sia costretto a rincorrere Windows cercando di sostituirlo su ogni computer del pianeta.

La risposta ad un tale quesito può sembrare molto complessa ma, nella realtà, è molto più semplice di quello che ci si può immaginare. Il vero problema, in un mondo che tenta di imbottirci di falsità, è aprire la mente per vedere oltre…

Cos’è Linux?

Iniziamo chiarendo cosa sia Linux. Prenderò in prestito la definizione che ne fa Wikipedia :

Linux (o GNU/Linux), è una famiglia di Sistemi Operativi liberi di tipo Unix (o unix-like) costituiti dall’integrazione del kernel Linux con elementi del sistema GNU e di altro software sviluppato e distribuito con licenza GNU GPL o con altre licenze libere. Molte importanti società come: IBM, Sun Microsystems, Hewlett-Packard, Red Hat e Novell hanno sviluppato e sviluppano un sistema GNU/Linux. Grazie alla portabilità del kernel Linux sono stati sviluppati sistemi operativi GNU/Linux per un’ampia gamma di computer, dai cellulari, tablet computer e console ai mainframe e i supercomputer ed esistono sistemi GNU/Linux installabili come server.

Ora vediamo, sempre citando Wikipedia, cos’è il Software Libero che sta alla base delle licenze utilizzate :

Il software libero è software pubblicato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo e che ne incoraggia lo studio, le modifiche e la redistribuzione; per le sue caratteristiche, si contrappone al software proprietario ed è differente dalla concezione open source, incentrandosi sulla libertà dell’utente e non solo sull’apertura del codice sorgente, che è comunque un pre-requisito del software libero.

inoltre, sempre da Wikipedia :

Secondo Richard Stallman e la Free Software Foundation da lui fondata, un software si può definire libero solo se garantisce quattro “libertà fondamentali”:

  • Libertà 0. Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo.
  • Libertà 1. Libertà di studiare il programma e modificarlo.
  • Libertà 2. Libertà di ridistribuire copie del programma in modo da aiutare il prossimo.
  • Libertà 3. Libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio.

Un programma è software libero se l’utente ha tutte queste libertà. In particolare, se è libero di ridistribuire copie, con o senza modifiche, gratis o addebitando delle spese di distribuzione a chiunque ed ovunque. Essere liberi di fare queste cose significa (tra l’altro) che non bisogna chiedere o pagare nessun permesso.

Per quale motivo il software Libero dovrebbe avere l’ardire di sostituire Windows e tutto il software proprietario ?

Bene, dopo aver tentato invano, di scrivere nel dettaglio le motivazioni che devono portare a questa fondamentale transizione, software proprietario -> Software Libero, mi sono convinto che il miglior modo di spiegarlo sia ascoltare le parole di Richard Stallman, il più grande fautore del Software Libero :

Richard Stallman:

Bene, ho già detto che il software proprietario attribuisce troppo potere agli sviluppatori sugli utenti, e pertanto gli utenti vivono soggiogati.

Tali sviluppatori utilizzano il loro potere in vari modi le cui conseguenze ricadono sugli utenti. Così, con il software proprietario solo gli sviluppatori decidono cosa vada fatto, e gli utenti non hanno parola a riguardo.

L’unico modo che hanno per farsi sentire è quello di boicottare il programma o sceglierne un altro come sostituto. Col software libero gli utenti hanno il controllo del programma e possono decidere cosa fare.

Così il software viene sviluppato in maniera democratica. Sotto il controllo degli utenti, le modifiche che vengono fatte ed accettate sono quelle che gli utenti desiderano realmente.

Potete leggere, e ascoltare, l’intervista completa su http://www.masternew … _software_libero.htm.

Aggiungi un commento

Completa la form sottostante per aggiungere un commento

Dati utente





Aggiungi il tuo commento