Domenica, Agosto 28, 2011

Installare Linux a fianco di Windows nel modo più semplice Salva articolo come PDF Condividi pagina...

Logo Ubuntu Mi capita sempre più spesso di incontrare utenti che, nonostante la loro curiosità verso Linux, non hanno mai avuto il “coraggio” di installare sui loro sistemi una distribuzione per verificarne la qualità.

Molti, soprattutto quelli più inesperti, mi hanno fatto notare che spesso il problema non è prettamente tecnico ma, è più dettato dalla paura di rovinare il sistema installato sui loro PC.

La risposta che solitamente fornisco è questa :

Non abbiate paura, non dovete fare nulla di pericoloso, basta installate Linux dentro Windows come fosse un normale programma !!!

Volete usare Ubuntu? Installate con Wubi. Usate Linux Mint? Installate con Mint4Win.

Le distribuzioni che utilizzo

Il sistema che presenterò in questo articolo non è utilizzabile con tutte le distribuzioni.

Qui ci limiteremo ad esaminare le mie preferite, e forse le più diffuse, Ubuntu e Linux Mint.

In realtà la tecnica di installazione che useremo sarà utilizzabile in futuro anche sulla famosissima Debian (vedi riferimenti in fondo all’articolo).

Wubi e Mint4Win

150px-Wubi-logo-text.png La soluzioni che esaminerò per installare Linux (Ubuntu e Mint) senza preoccuparsi di partizioni o di compromettere il sistema corrente si chiamano Wubi o Mint4Win!

Sia che si scelga uno o l’altra, la tecnica è identica.

Ma cos’è Wubi / Mint4Win? Vediamo cosa riporta Wikipedia al riguardo :


Wubi (Windows-based UBuntu Installer) è un installer di Ubuntu ufficiale per gli utenti Windows. Grazie a questo software libero è infatti possibile installare la distribuzione GNU/Linux Ubuntu da Windows come se fosse una qualsiasi applicazione.

Wubi non modifica il sistema e non crea partizioni per ospitare il nuovo sistema operativo. Difatti tutto si basa su un disco virtuale creato all’interno dello stesso file system di Windows. Il resto dell’hardware non è emulato come in una virtual machine e questo permette ad esempio di poter usufruire di accelerazione 3D.

L’unica modifica apportata al sistema è un aggiornamento del bootloader in modo che all’avvio del PC l’utente possa scegliere se avviare Windows oppure Ubuntu; in pratica al bootloader originale fornito da Windows viene ad affiancarsi Grub come bootloader secondario.

L’installazione che si ottiene è un set-up di dual boot identico a quello di una installazione di Ubuntu da CD, con possibilità di salvare i cambiamenti, accedere ai file di Windows, installare nuovo software ed aggiornare il sistema operativo.

La rimozione del sistema operativo è anch’essa facilitata, infatti avviene tramite il pannello di Installazione Applicazioni di Microsoft Windows come se fosse una normale applicazione.

Il Caso

Facciamo un esempio per comprendere meglio i casi in cui Wubi/Mint4Win diventa veramente prezioso.

Immaginiamo di avere, come nel mio caso, un portatile preinstallato con Windows 7. Questo sistema ha un disco diviso in tre partizioni :

  • la partizione per il ripristino del sistema originale;
  • la partizione del disco C contenente il sistema operativo;
  • la partizione del disco D per i dati.

Se volessimo installare Linux in modo classico, prima di tutto dovremo creare lo spazio per accoglierlo riducendo la dimensione di una o più partizioni, con il rischio non solo di perdere dati ma, nel caso peggiore di non poter più ripristinare il sistema originale.

Con il metodo qui proposto tutto ciò non serve.

Infatti, il nuovo sistema operativo risiederà su uno dei normali dischi visti da Windows (C o D in questo caso), quindi non sarà necessario modificare la struttura originale, eliminando la possibilità di commettere errori e garantendo al sistema la sua integrità iniziale.

Come procedere

Vediamo ora come installare Ubuntu e Linux Mint, partendo da un PC dotato di Windows 7.

Per scaricare la presentazione clicca qui.

Le critiche

Cercando su internet, molto spesso ci si imbatte in persone che sconsigliano l’utilizzo di Wubi e simili.

Vengono lamentati problemi di vario genere, di malfunzionamenti strani, lentezze, e chi più ne ha più ne metta.

Non voglio certo mettere in dubbio le esperienze altrui ma, nel mio caso, tutte le installazione che ho fatto usando il sistema qui proposto hanno dato molti meno problemi di quelle fatte con il sistema classico (partizionamento). Ad esempio, proprio in quest’ultimo periodo ho installato Ubuntu 11.04 con Wubi su 4 sistemi (1 portatile e 3 desktop) senza alcun tipo di problema, mantenendo comunque un Windows completamente integro.

Sicuramente Wubi (e simili) viene perfezionato nel tempo, quindi è probabile che molti dei problemi segnalati in rete oggi non siano più riscontrabili.

Gli Inconvenienti

Rispetto ad una installazione classica, l’uso di Wubi e simili presenta alcuni, piccoli inconveniente. E’ bene tenerlo presente prima di utilizzarlo, in modo da non incorrere in sorprese dell’ultimo minuto.

Vediamo le limitazioni :

  • La massima dimensione per il disco assegnato a Linux è di 30GB se si installa su un disco NTFS, mentre 8GB se si usa un disco formattato in FAT;
  • Non è possibile utilizzare dischi in RAID (per sapere cosa sono http://it.wikipedia.org/wiki/RAID);
  • I dischi criptati non sono supportati;
  • Non è possibile usare Windows ME o versioni precedenti;
  • Non è in possibile utilizzare i proxy per l’accesso a internet.

Nonostante ciò, Wubi e Min4Win si adattano perfettamente alla maggior parte dei sistemi desktop e portatili.

Riferimenti

  1. Cos’è Wubi?
    http://it.wikipedia.org/wiki/Wubi

  2. Ubuntu windows installer (Wubi).
    https://wiki.ubuntu.com/WubiGuide
    http://www.ubuntu.co … tu/windows-installer

  3. Windows installer per Linux Mint, incluso nella distribuzione.
    http://www.linuxmint.com/

  4. Debian Installer
    http://www.debian.or … el/debian-installer/
  1. mauro

    Giovedì, Aprile 19, 2012 - 02:02:32

    C.issimo Roberto ho un portatile acer aspire 5250 windows7 Home Premium service pack1,ho anche scaricato la tua guida passo passo per l’installazione di ubuntu ma non c’è stato verso di riuscita.Dopo ben 5 tentativi ho deciso di rinunciare mio malgrado.Ho usato una connessione per internet tramite una chiavetta USB e spero sia questo il motivo della mancata installazione.In sostanza accadeva questo: Dopo 4 ore di attesa e a circa metà installazione la connessione ad internet si arrestava in modo anomalo.Cioè compariva sull’iconcina in basso a dx un tiangolino giallo con un punto esclamativo al centro.E cliccando sopra compariva la schermatina delle connessioni internet con la dicitura:connesso a (tale rete)ma non l’accesso ad internet.In pratica ero connesso ma l’installazione non proseguiva.Come ho già detto ci ho provato per ben 5 volte.Ti prego rispondi al piu presto e dammi una soluzione al problema esposto.

  2. Daniele

    Venerdì, Marzo 1, 2013 - 21:01:16

    è magnifico, una cosa fantastica!!!!!

  3. Lele Sborzacchi

    Lunedì, Maggio 20, 2013 - 12:53:57

    Salve,
    ho letto la tua guida e volevo un paio di consigli,se possibile:mi trovo nella situazione di dover intervenire su uno smartphone per sbloccarlo e poterlo usare e modificare a livello di software ma per farlo ho bisogno di avere un sistema Linux installato per poi usare Virtùal Machine(so che esiste anche VM per windows,ma ho già provato ma non è sufficiente) e mi chiedevo se posso usare i software da te citati in questa guida per fare ciò.

    Saluti
    Lele

Aggiungi un commento

Completa la form sottostante per aggiungere un commento

Dati utente





Aggiungi il tuo commento